Senza categoria · travel

La mia vita a New York 🌎🗽🇺🇸🌃⭐️

Comincerò col dire che nonostante abbia solo 21 anni, posso affermare di aver passato la mia vita viaggiando.

Ma inizierò questo post proprio dalla fine e cioè dal mio ultimo viaggio che, però, si posiziona senza dubbio al primo posto nel mio cuore: NEW YORK.

Schermata 2017-08-30 alle 12.24.34

GIORNO 1: Manhattan: Times Square – Soho – Noho – Meatpacking – Balthazar

Sono arrivata a New York il 21 Aprile 2017.
Sono partita totalmente SOLA. Con due enormi valige letteralmente più grandi di me perché sarei dovuta stare molto tempo (dopo le prime settimane a New York mi sono spostata a Miami – Las Vegas – San Diego – Los Angeles – San Francisco ) che con forza e determinazione trascinavo con due mani aeroporti aeroporti.
Perchè sola? Ovviamente ho amiche, amici, fratello e famiglia con cui ho viaggiato e continuerò a viaggiare.
Ma questo viaggio…questo viaggio era diverso, era qualcosa che avrei dovuto fare IO,   per mettermi in gioco e imparare a crescere.
Andare dall’altra parte del mondo e viaggiare senza una spalla d’appoggio ma contando solo su te stesso è il cammino che più ti insegna cosa vuoi, cosa non vuoi, che futuro devi costruirti e che passato lasciarti alle spalle.
Così, il 21 Aprile arrivo a New York.
Dall’aeroporto al mio albergo ho preso Uber (consigliassimo in tutti gli States) e sono stata letteralmente tutto il tragitto parlando con il tassista ma senza guardarlo nemmeno un secondo in faccia perché già rapita da quello che vedevo:
il ponte di Brooklyn, grattacieli, luci, cartelloni giganti… Si, ero finalmente nella grande mela.
Molte altre persone dopo ore ed ore di viaggio e jet leg sarebbero andate dritte a dormire (anche se era ora di cena), ma io ricordo perfettamente che a New York non riuscivo MAI a dormire, tanto forte era l’entusiasmo di vedere anche ogni più piccolo punto della città.

Quindi mi cambio e vado a cena al BALTHAZAR (Ristorante francese a Soho CONSIGLIASSIMO dove hanno girato tantissimi film tra i quali uno dei miei preferiti, “Hitch” ).
L’aria è Bohemian, il cibo è FAVOLOSO e i drink di qualità e dall’ottimo aspetto… per non parlare della New York cheesecake finale!

21216185_10210506459759331_1091925237_o

21222356_10210506459719330_889951868_o

Beh, cena finita.. altri sarebbero andati in albergo, distrutti dal lungo viaggio affrontato. Io? Ovviamente no! La prima cosa che avrei dovuto fare la mia prima sera a New York era ovviamente andare nella meta più turistica ma una delle mie preferite e tanto sognate:
TIMES SQUARE.
Che dire di Times Square?
O la odi o la ami. Se sei una persona calma, che non sopporta la folla, le luci, la gente, vai, dai un’occhiatina e….scappa!                                                                                                           Beh, io invece, ci passerei giornate intere, e per intere intendo davvero 24h su 24 in quanto Times Square non dorme MAI.
Arrivo e mi brillano gli occhi: era mezzanotte ma sembrava pomeriggio di quante luci, cartelloni e gente avevo intorno.
E lì esce quel sorriso che viene fuori spontaneamente quando il tuo cuore si riempie di gioia e una voce dentro di te dice: eccoti qui finalmente.
ADESSO SEI NEL POSTO GIUSTO.

21247936_10210506459639328_2143994005_o.jpg

21244469_10210506459839333_613685988_n.jpg

Bene, fatto anche questo, la mia maratona non finisce lì.
Non era ancora il momento di dormire… Perció taxi e dritta in discoteca.
I club a New York sono difficili, specie se sei straniero e non conosci nessuno. Ovviamente chiedono il tuo documento all’ingresso perché devi avere almeno 21 anni (se sei straniero il PASSAPORTO: no patente, no carta di identitá o altro) ed inoltre le ragazze normalmente non pagano, ma essendo straniero ti chiedono comunque 50 dollari. Quindi giro le spalle per andare via ma mi richiamano e mi fanno entrare.          Da lì inizia la prima di infinite serate meravigliose, in cui inizio a conoscere tante persone con cui ho stretto poi bellissime amicizie.

Una delle cose che ti colpisce anche di New York quando ci vivi è che la maggior parte della gente, nonostante sia sempre impegnata e in corsa contro il tempo, è sempre pronta ad aiutarti e soprattutto è APERTA mentalmente…Si, ecco cosa significa trovarsi in una città immensa: conoscere persone di tutto il mondo, con storie diverse, diversi background e punti di vista… E grazie a loro inizi ad avere chiaro anche il tuo.
Comunque sia, tornando alla serata, da una discoteca all’altra poi torno in hotel alle 3 del mattino circa, ed alle 7 ero giá a fare la mia prima colazione americana……..                          E, Come dimenticarla: WAFFLE con sciroppo d’acero, yogurt, burro d’arachidi, cereali e chi più ne ha più ne metta😂

21222712_10210506459679329_426795725_o.jpg

E con questa stupenda foto, rimando al prossimo post la mia prima giornata di turismo sfegatato e senza sosta per la bellissima Manhattan. See you guys!:)

Annunci
Senza categoria

Primo articolo del blog

Questo è il tuo primo articolo. Fai clic sul link Modifica per modificarlo o eliminarlo oppure inizia un nuovo articolo. Se desideri, usa questo articolo per dire ai lettori quando hai iniziato questo blog e cosa intendi farne. Se hai bisogno di assistenza, chiedi agli utenti sempre disponibili nei forum di supporto.